8 maggio 2017

OUSA Annual Convention 2017 - 07 - The eternal fight against the evil

OUSA Annual Convention 2017 - 07 - The eternal fight against the evil


The evil exists and shall to be faced, even if one is a paperfolder.
When you have a goal to reach, everything that keeps you away from the road to reach it is evil.

Having a job is a curse, you can't live without it and you have to provide a constant and careful presence, at least eight hours a day.Friends are villains, they would like to party in the evening or at the weekend, when there were time to dedicate to paperfolding.The body is an enemy, with its needs to be nourished, warmed up, cared of and trained.Thoughts are cruel: "It is only another useless piece of folded paper", "And yet it is not so good what comes out of it", "Do you really think to be so artistic?", "You will never fold again anything new and astonishing".Feelings strive for ambushing, hidden in the folds, throwing poisoned arrows spread in memories, tears, and sense of emptiness.It is a trial the distance from the embrace of the beloved, you have a choice to make: wether you do the paperfolding or you make love.But.The diversions make the journey interesting and varied.Having a work gives you the dignity of self-sufficiency, allowing you to have that "room all by itself" described by Virginia Woolf: "Intellectual freedom depends upon material things. Poetry depends upon intellectual freedom".
Friends do not only make the life joyful, they are universes full of stories and experiences, which one alone could never even guess.
The body, when in good health, can sit for hours at the folding table, can offer firm and sensitive fingers, and can give good eyes that can see, though with the support of lenses.Thoughts that are faced and tamed or to which one decides to abandon himself or herself, shall be followed and explored to the full as abysses that look inside us as we do in them.Understanding the feelings and their storms, starting with ours own, leads to empathy with other human beings: an origami that brings in it a trace of the feeling that generated it can touch the hearts of people.The warmth of an embrace does not disappear because of the distance, the trace remains above and below the skin, on the surface and between the folds of the paper.
In an artistic journey you can not think of being only an arrow pointing to the target, there is so much time to lose and so much soul to gain.

"Bring me my bow of burning gold!
Bring me my arrows of desire!"
("Jerusalem" William Blake)
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
OUSA Convegno Annuale 2017 - 07 -  L'eterna battaglia contro il male

Il male esiste e deve essere affrontato, anche quando si è un'origamista.
Quando si ha un obiettivo, tutto ciò che ci distoglie dalla strada per raggiungerlo è male.
È una maledizione il lavoro, di cui non si può fare a meno e che richiede una presenza costante ed attenta, almeno per otto ore al giorno.
Sono malvagi le amiche e gli amici, che vorrebbero fare festa alla sera o nel fine settimana, quando ci sarebbe tutto il tempo da dedicare alla carta.
È un nemico il corpo con le sue esigenze di essere nutrito, riscaldato, curato ed allenato.
Sono crudeli i pensieri: "E' solo un altro inutile pezzo di carta piegata", "E comunque non è nemmeno un granché quello che ne esce", "Ma cosa credi di realizzare di tanto artistico?", "Non piegherai mai più niente di nuovo e di esaltante!".
I sentimenti tendono gli agguati, nascosti fra le pieghe, lanciano frecce avvelenate ricoperte di ricordi, lacrime, senso di vuoto.
È un cruccio la lontananza dall'abbraccio di chi ami, devi fare una scelta: o pieghi la carta o fai l'amore.
Ma.
Sono le deviazioni che rendono il percorso interessante e vario.
Il lavoro dà una dignità di autosufficienza, permette di avere quella "stanza tutta per sé" descritta da Virginia Woolf: "La libertà intellettuale dipende dalle cose materiali. La Poesia dipende dalla libertà intellettuale".
Gli amici, oltre a rendere la vita gioiosa, sono degli universi di storie e di esperienze, che da soli non si potrebbero mai nemmeno intuire.
Il corpo, quando è in buona salute può stare seduto per ore al tavolo di piegatura, può offrire delle dita salde e sensibili e può dare degli occhi che sanno vedere, sebbene con il supporto di qualche lente.
I pensieri, che siano affrontati e domati o che si decida di abbandonarsi ad essi, devono essere percorsi ed esplorati fino in fondo come abissi meravigliosi che scrutano in noi così come noi in loro.
La comprensione dei sentimenti e delle loro tempeste, ad iniziare dai propri, porta all'empatia con gli altri esseri umani: un origami che porti in sé una traccia del sentimento che l'ha generato, può toccare il cuore delle persone.
Il calore dell'abbraccio non scompare per la lontananza, la traccia resta sopra e sotto la pelle, sulla superficie e fra le pieghe della carta.
In un percorso artistico non si può pensare di essere solo una freccia puntata verso il bersaglio, c'è così tanto tempo da perdere e così tanta anima guadagnare. 

"Portatemi il mio arco d’oro ardente!
Portatemi le mie frecce del desiderio!"
("Jerusalem" William Blake)

7 maggio 2017

OUSA Annual Convention 2017 - 06 - Folding, learning, loving

OUSA Annual Convention 2017 - 06 - Folding, learning, loving

There are some models of mine I could fold again and again, without getting tired, and each time I will fold them I will for sure learn something new. I'ts something like making love with the man I love: each time it is different, each time it is wonderful, each time there is something more to explore.

"The process of folding is a pleasure, a fight, a journey, an embrace."


----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
OUSA Convegno Annuale 2017 - 06 - Piegare, imparare, amare

Ci sono alcuni miei modelli che potrei piegare più e più volte, senza stancarmi, ed ogni volta in cui li piego sono sicura che imparerò qualcosa di nuovo. E' come fare l'amore con l'uomo di cui sono innamorata: ogni volta è diversa, ogni volta è meravigliosa, ogni volta c'è qualcosa di nuovo da esplorare.

"Il processo di piegatura è un piacere, è una lotta, un cammino, un abbraccio".


26 aprile 2017

OUSA Annual Convention 2017 - 05 - Order and discipline

OUSA Annual Convention 2017 - 05 - Order and Discipline

Last night, as I folded in preparation to the convention and mused about existence, I got an idea for a new model. It had to be something that represented my current status: in my romantic view it was a person walking on the wire.

Tonight I did some tests with the Tant paper, mostly getting unsatisfactory results. At one point I found in my hand a model very different from the subject I wanted to fold: a necromancer surrounded by flames.

Okay, I and my subconscious do not have exactly the same view of things, this night we will have to discuss it in a dream, anyway the model of a tightrope walker sooner or later will come.

But now, since it is here, I would like to fold the new model with the appropriate paper.
I start looking for it in boxes, drawers, and folders all around my home.
I can't find it.

Where the hell is the black and red paper?
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
OUSA Convegno Annuale 2017 - 05 - Ordine e Disciplina

Ieri sera mentre piegavo in vista del convegno e rimuginavo sull'esistenza, mi è venuta un'idea per un nuovo modello. Doveva essere qualcosa che rappresentasse il mio stato attuale: nella mia raffigurazione romantica si trattava di una persona che cammina sul filo.

Stasera ho fatto qualche prova con la carta Tant, ottenendo più che altro risultati deludenti. Ad un certo punto mi sono trovata in mano tutto un altro soggetto rispetto a quello che volevo realizzare: un necromante circondato dalle fiamme.

Ok, io ed il mio subconscio non abbiamo esattamente la stessa visione delle cose, questa notte in sogno ne discuteremo e comunque il modello della funambola prima o poi arriverà.

Ma ora, dato che ormai è qui, vorrei piegare il nuovo modello con della carta appropriata. Comincio a cercare nelle scatole, nei cassetti e nelle cartellette sparse per casa. Non c'è.

Dove diavolo sarà la carta nera e rossa?


25 aprile 2017

OUSA Annual Convention 2017 - 04 - Breath

OUSA Annual Convention 2017 - 04 - Breath

When I overcome the distractions and feel really within the folding process, the breath changes, it becomes deep and smooth, the diaphragm movement stresses the time of existence. Modeling a piece of paper in my hands becomes then a form of meditation.

In my life I had a few fixed points, folding paper is one of these. When I'm concentrated, the paper becomes one with what I am at the moment, or rather, I and the sheet go through a mutual transformation to finally become something else.The sheet becomes an origami.I become the medium that realized that form in a concrete way.When the process ends I usually put the model down and go ahead, as I try to do with life events. Until now I have rarely folded a model several times after finishing it.

In these days I'm feeling strong emotions: springtime is for me a mined field of sad anniversaries, in addition to that taking over the models I created in the last four years brings me the echo of the emotions tied to the moment when they were folded.

Exactly one year ago the event happened that lead me to fold for the first time this model, inspired by a sentence of Taisen Deshimaru's comment to Yoka Daishi "The immediate satori's poem".
I was not particularly happy then, but in the end nothing really went wrong as it looked, and this morning I woke up with the joyful feeling of having earned a year.In addition, having this thought meant that until noon I did not think of another tragic anniversary: ​​thanks to the origami I earned a year and 12 hours.


To carry on I have just to take another piece of paper and start to breath deeply and smoothly, something good will come out

"The lotus flower blooms in the muddy pond"
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
OUSA Convegno Annuale 2017 - 04 - Respiro

Quando supero le distrazioni ed entro davvero nel processo di piegatura, il respiro cambia, si fa profondo e regolare, il diaframma scandisce il tempo dell'esistenza. Modellare un pezzo di carta fra le mie mani diventa allora una forma di meditazione.

Nella mia vita ho avuto pochi punti fermi, piegare la carta è uno di questi. Quando riesco a concentrarmi, la carta diventa tutt'uno con ciò che sono in quel momento, o meglio, io ed il foglio passiamo attraverso una mutua trasformazione per divenire infine qualcos'altro.
Il foglio diventa un origami.
Io divento il tramite che ha realizzato in modo concreto quella forma.
Una volta concluso il processo in genere poso il modello e vado avanti, come cerco di fare con gli eventi della vita. Fino ad ora raramente ho piegato più volte un modello dopo averlo concluso.

In questi giorni sto provando delle emozioni forti: la primavera è per me un campo minato di tristi anniversari, in più riprendere in mano i modelli che ho creato negli ultimi quattro anni mi riporta l'eco delle emozioni legate al momento in cui sono stati piegati.

Esattamente un anno fa capitarono gli eventi che mi portarono a piegare per la prima volta questo modello, ispirato da una frase del commento di Taisen Deshimaru al "Canto dell'immediato satori" di Yoka Daishi.
Non ero particolarmente felice allora, ma alla fine nulla è andato davvero storto come sembrava e stamattina mi sono svegliata con la gioiosa sensazione di aver guadagnato un anno.
In più questo pensiero ha fatto sì che fino a mezzogiorno inoltrato non pensassi ad un altro mio tragico anniversario: grazie all'origami ho guadagnato un anno e 12 ore.

Per andare avanti non resta che prendere un altro pezzo di carta e respirare in modo profondo e regolare, qualcosa di buono ne verrà fuori.

"Il fiore di loto sboccia dallo stagno fangoso"



OUSA Annual Convention 2017 - 03 - Distractions

OUSA Annual Convention 2017 - 03 - "Distractions"

April 25 is one of the most important national holidays of the Italian Republic: the Anniversary of the Liberation from nazi-fascism. The company I work for stated a day off on 24 April, so from 22 to 25 I had the opportunity to spend four days in a row at home. At a first appearance it seemed a great opportunity to dedicate myself totally to fold models to display at the convention. Instead distractions have come.
  • On Friday night I had a date with my Inspirational Muse, an indispensable aesthetic and ecstatic refill after a stressful week at work, and, honestly, I was missing him.
  • On Saturday morning there was shopping, fresh fruits and vegetables for the week from the local market, Saturday afternoon there was the Musashi Fight Club, unmissable; Saturday night there was the party with the Pastafarian Pirates of Turin, unmissable too.
  • On Sunday I did the laundry, I watered the plants, I phoned my mom while tiding my home making the work table free of stuff at least partially , then I folded for a few hours before going out with a friend I had not seen since a long time.
  • This morning I had to go to the doctor for some exams, at noon I had a lunch appointment with another friend I did not see since a long time, and in the evening there was the organizational meeting with the Pastafarian Pirates of Turin, for the next month events. My menses begun and I had headache during all the day.
One thing, however, is certain: you can not live by distraction alone, to achieve something concrete, such as folding models ina decent way, you need to reach an adequate state of concentration. I've one day of holiady left, I'll refuse invitations, I'll not participate to the Liberation parade in the city centre, I'll silence the phone and I will start to repeate from now on:

"I'm one with the Paper and the Paper is with me.
I'm one with the Paper and the Paper is with me.
I'm one with the Paper and the Paper is with me."

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
OUSA Convegno Annuale 2017 - 03 - "Distrazioni"

Il 25 aprile è una delle più importanti ricorrenze della Repubblica Italiana: la Festa di Liberazione dal nazifascismo. L'azienda per cui lavoro ha concordato di chiudere il 24 aprile, per cui dal 22 al 25 ho avuto l'opportunità di trascorrere quattro giorno di fila a casa.

A prima apparenza sembrava un'ottima occasione per dedicarmi totalmente a piegare dei modelli da mettere in mostra al convegno. Invece sono arrivate le distrazioni.
  • Venerdì sera avevo un appuntamento con il mio Muso Ispiratore, un'indispensabile ricarica estetica ed estatica dopo una stressante settimana di lavoro ed a dirla tutta onestamente, mi mancava.
  • Sabato mattina c'era da fare la spesa, frutta e verdura fresche dal mercato locale, sabato pomeriggio c'era il Musashi Fight Club, imperdibile; sabato sera c'era la festa con i Pirati Pastafariani di Torino, imperdibile anche questa.
  • Domenica ho fatto il bucato, ho annaffiato le piante, ho telefonato a mia mamma mentre riordinavo casa e sgombravo almeno parzialmente il tavolo da lavoro, poi ho piegato per qualche ora prima di uscire con un'amica che non vedevo da tanto tempo.
  • Questa mattina avevo una visita dal medico, a pranzo un appuntamento con un'altra amica che non vedevo da un sacco di tempo ed alla sera c'era la riunione organizzativa dei Pirati Pastafariani di Torino per gli eventi del prossimo mese. Mi è cominciato il ciclo ed ho avuto mal di testa tutto il giorno.
Una cosa comunque è sicura: di sola distrazione non si può vivere, per arrivare a realizzare qualcosa di concreto, come ad esempio piegare dei modelli in modo decente, bisogna raggiungere un adeguato stato di concentrazione.

Mi resta un giorno di festa, schiverò gli inviti, diserterò il corteo del 25 aprile in centro a Torino, silenzierò il telefono e fin da questa sera mi ripeterò: 

"Io sono tutt'uno con la Carta e la Carta è con me.
Io sono tutt'uno con la Carta e la Carta è con me.
Io sono tutt'uno con la Carta e la Carta è con me."